Nuovo Partito Comunista di Gran Bretagna (NCP) chiama a votare per l’uscita dall’UE

Nuovo Partito Comunista di ‪#‎GranBretagna‬ (NCP) – membro della Iniziativa dei Partiti Comunisti e Operai d’Europa – chiama a votare per l’uscita dall’‪#‎UE‬ nel ‪#‎referendum‬ del 23 Giugno in Gran Bretagna
E’ ora il momento di rompere collettivamente col Trattato di Roma. Il referendum può decidere se la Gran Bretagna rimane o lascia l’Unione Europea. Anche se i sondaggi di opinione danno in vantaggio il fronte della “‪#‎Brexit‬“, occorre un voto di massa e popolare per impedire ogni tentativo parlamentare di vanificare e revocare la decisione. Durante la campagna, le profonde divisioni all’interno della classe dominante si sono manifestate alla luce del sole, dividendo i conservatori, sebbene entrambi gli schieramenti si sono appellati al voto della classe lavoratrice. Ma il livello del dibattito nel periodo precedente al voto si è a fatica allontanato dalla volgarità, con il fronte del “rimanere” che ha resuscitato la “paura” con terrificanti storie di disoccupazione di massa, alte tasse ed anche la guerra mondiale se la Gran Bretagna lasciasse l’UE; mentre il fronte dell’uscita dall’UE ha continuato a menarla con l’immigrazione e l’asserita minaccia alla sicurezza nazionale nel caso si continui a rimanere nell’UE.
Questo non costituisce una sorpresa, perché le leadership di entrambi i campi servono direttamente gli interessi delle ali rivali della stessa classe dominante.
L’opposizione di principio della classe operaia all’UE difficilmente poteva essere ascoltata sopra il frastuono dei media borghesi che hanno cercato di limitare la discussione ai confini dettati dalla borghesia stessa.
Jeremy Corbyn ed il resto della dirigenza Labour parlano di una futura “Europa Sociale” e che “Un’altra Europa è possibile” – la linea di molti socialdemocratici di sinistra, trotzkisti e revisionisti all’interno dell’UE. Un’altra Europa è certamente possibile – ma non all’interno dell’UE.
Il Trattato di Roma che ha creato l’originario Mercato Comune nel 1957 è stato sempre volto a rendere gli affari più profittevoli possibile. E’ stato disegnato dall’imperialismo franco-tedesco per proteggere il capitalismo e provvedere agli strumenti per lo sfruttamento fino all’osso della classe operaia.
L’UE non è né democratica né sinceramente federale. Il processo decisionale è dominato da corpi non elettivi come la Commissione Europea e la BCE. Il più volte vantato “contratto sociale” per cui sbavano dei nostri leader sindacali non è che un regaluccio senza significato per dare un alibi ai collaborazionisti socialdemocratici europei che hanno sempre detto di sì ad ogni stadio di allargamento dell’UE.
Hanno accettato l’abolizione dei confini interni per permettere la libera circolazione delle persone e dei capitali. Hanno fatto poco o nulla per impedire la distruzione della contrattazione collettiva nazionale, ed hanno rifiutato di dare sostegno alla resistenza popolare contro l’austerità e contro la vasta offensiva della borghesia UE contro i diritti sindacali, progettata per scaricare tutto il peso della crisi economica sulle spalle della classe operaia.
Il Nuovo Partito Comunista (NCP) si è opposto all’UE fin dall’inizio. Noi crediamo in una lotta di principio che possa costruire una solidarietà internazionale di classe e non indebolirla. Abbiamo sempre rifiutato di essere funzionali agli scopi dell’UKIP, la cui avversione all’UE è basata sulla xenofobia e su di un malcelato razzismo. Abbiamo dato il benvenuto alla fondazione di “‪#‎Lexit‬” – La campagna di sinistra per l’uscita della Gran Bretagna dall’UE – e abbiamo anche mantenuto la nostra campagna comunista indipendente.
Un vasto riscontro elettorale contro la UE può far cadere il governo Cameron e dare maggior impulso alla lotta contro l’austerità nel resto dell’Europa. Facciamo che Giovedì accada così.

http://www.newworker.org/archive2016/nw20160617/say_no_to_eu_on_thursday.html

Nuovo Partito Comunista di Gran Bretagna (NCP) chiama a votare per l’uscita dall’UEultima modifica: 2016-06-23T16:33:42+00:00da dalai87
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento