Taglio delle accise o dell’ICI? Quale sarebbe stato il vero regalo agli italiani

Il prezzo della benzina continua a salire, i capi del mondo ne discutono, e noi ne paghiamo le conseguenze… tutto aumenta in conseguenza all’aumento della benzina. Ma la cosa che dovremmo sapere tutti è il discorso delle accise, cioè la tassazione sulla benzina, che ha delle voci assurde.  

Molte delle accise italiane furono introdotte come temporanee per far fronte a vari eventi straordinari, ma nonostante il venir meno della causa a tutt’oggi non risultano ancora state tolte:

  • 1,90 lire per la guerra di Abissinia del 1935 (0,001 euro);
  • 14 lire per la crisi di Suez del 1956 (0,007 euro);
  • 10 lire per il disastro del Vajont del 1963 (0,005 euro);
  • 10 lire per l’alluvione di Firenze del 1966 (0,005 euro);
  • 10 lire per il terremoto del Belice del 1968 (0,005 euro);
  • 99 lire per il terremoto del Friuli del 1976 (0,051 euro);
  • 75 lire per il terremoto dell’Irpinia del 1980 (0,039 euro);
  • 205 lire per la missione in Libano del 1983 (0,106 euro);
  • 22 lire per la missione in Bosnia del 1996 (0,011 euro);
  • 0,020 euro (39 lire) per rinnovo contratto autoferrotranvieri 2004.

Il tutto per un totale di 486 lire. Tenendo conto che un Euro vale 1936,27 Lire e un centesimo di Euro vale 19,3627 Lire, queste tasse ammontano a 0,25 euro. Su queste accise viene applicata anche l’IVA, per un totale di 0,30 euro.

Inoltre, dal 1999, le Regioni hanno la facoltà di tassare i carburanti, al momento lo fanno Campania e Molise (a causa del deficit sanitario) e Liguria.

Una detassazione della benzina consentirebbe di compensare i rincari del barile di greggio, e di controllare una spirale inflazionistica. Il gettito derivante dalle accise grava indistintamente sui consumatori e non risponde ai principi di equità e proporzionalità della tassazione con il reddito.

Ecco quello che doveva essere secondo me il regalo agli italiani enfatizzato dai berlusconiani, e non il taglio dell’ICI i cui benefici sono miseri, e vanno soprattutto a vantaggio dei possessori di grandi case…

Ad esempio, ad oggi pago una cifra modesta di ICI. Berlusconi dice che fa un regalone a tutti gli italiani, facendomi risparmiare questa cifra modesta, che poi invece dovrò pagare in altro modo sotto un’altra forma, in quanto i comuni dovranno pur inventarsi qualcosa per far quadrare il bilancio. Secondo voi cosa incide di più nella famiglia italiana l’ICI o la benzina, considerando anche l’aumento dei prezzi dovuto al costo della benzina? A mio avviso il risparmio vero sarebbe con il taglio dell’accise, pensate quanto potremmo risparmiare realmente!!!!!!!!!!!!!!!

fonte dei dati: http://it.wikipedia.org e http://aaa-hhh.myblog.it

Taglio delle accise o dell’ICI? Quale sarebbe stato il vero regalo agli italianiultima modifica: 2008-06-16T10:52:53+02:00da dalai87
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento