Siamo tutti antifascisti!!!

Dopo il vergognoso operato di Blocco Studentesco durante le manifestazioni studentesche, con i pestaggi a piazza navona, i fascisti continuano imperteriti le loro operazioni di squadrismo organizzato. Ieri, Forza Nuova ha organizzato manifestazioni anti-immigrati. “per contrastare la piaga che sta colpendo gli Italiani ledendone la dignità e l’ onore:le violenze contro le donne perpetrate da stranieri e rom.” Quindi sono tornati in piazza i razzisti di Forza Nuova, approfittando del clima teso che si respira in Italia, vogliono ergersi a difensori dell’italianità, gettando ulteriore benzina sul fuoco. Questi squadristi, si sono già resi protagonisti di spedizioni razziste nei confronti di stranieri il 25 Febbraio dopo lo stupro a Guidonia:

 ROMA – Due ragazzi sono stati arrestati e una ventina identificati dal commissariato di Tivoli per un’aggressione razzista avvenuta ieri sera ai danni di cinque albanesi in un bar a Guidonia, il paese alle porte di Roma dove nella notte tra giovedì e venerdì una ragazza è stata violentata e il fidanzato picchiato con ogni probabilità da stranieri dell’est Europa. I due giovani Fabio P., di 21 anni, e Vincenzo P., di 24 anni, entrambi residente a Collefiorito di Guidonia (Roma), sono stati arrestati per tentata rapina, lesioni personali, minaccia, danneggiamento con l’aggravante di aver agito per fini razziali. Oltre a questa, ci sono state altre due aggressioni a sfondo razzista: le vittime negli altri due casi sono stati quattro romeni.

I tre episodi sono collegati alla manifestazione di Forza Nuova che si è tenuta ieri a Guidonia, hanno spiegato gli investigatori. Una ventina di manifestanti si sono allontanati dal corteo di Forza Nuova, secondo la polizia, successivamente sono state compiute “azioni aggressive e violente in danno di cittadini stranieri, perpetrate presumibilmente da alcuni manifestanti che in modo scientifico si allontanavano dal corteo”. Nel primo caso tre romeni venivano aggrediti e picchiati da giovani italiani, mentre questi si trovavano all’interno del bar “Stefanelli” in via Maremmana Inferiore a Villanova di Guidonia.Il secondo caso riguarda un romeno, aggredito e picchiato da giovani italiani, mentre questi stava attraversando la strada di viale Roma a Guidonia. Il terzo è avvenuto all’interno del bar ‘Centrale’, in piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa, dove si erano rifugiati cinque albanesi per scampare all’aggressione. Le aggressioni sono avvenute a colpi di mazze da baseball, bastoni, aste di bandiere, manici di scopa, ma anche sedie prese dal bar, al grido di “andatevene via, tornate al vostro Paese, vi ammazziamo”.

Un altra spedizione è stata eseguita il 15 Febbraio:

ROMA – Bande armate di bastoni hanno compiuto due raid razzisti nella Capitale. Nel primo quattro cittadini romeni sono stati feriti, due in modo più serio, all’interno di un locale dove alcuni giovani a volto coperto sono entrati armati di mazze di legno. Un altro immigrato, invece, è stato aggredito e pestato in via Tuscolana.
I carabinieri hanno avviato accertamenti: nella stessa zona poco prima si era svolta per le vie del quartiere una manifestazione di Forza Nuova per protestare contro lo stupro avvenuto nel parco della Caffarella.

Questi sono solo alcuni dei pestaggi eseguiti da militanti di estrema destra. Saranno queste le ronde volute dalla Lega?

Tanti sono i casi che mostrano quale titolo abbiano i neofascisti per parlare di stupri e violenza.
Quello che interessa ai neofascisti è strumentalizzare questi terribili episodi per legittimarsi e rilegittimare la loro nefasta ideologia razzista xenofoba e nazionalista. Secondo Forza Nuova vi sarebbe un collegamento tra immigrazione e incremento degli stupri, quando invece secondo i dati Istat gli stupratori sono in massima parte cittadini italiani. La xenofobia di Forza Nuova fa anche questo danno. Indicando impropriamente e strumentalmente un colpevole astratto (l’immigrazione), facendo dello stupro un problema di ordine pubblico e non di violenza sessista, Forza Nuova ostacola un’autentica presa di coscienza sociale del problema e favorisce invece la deresponsabilizzazione e l’indifferenza. Ma forse ai fascisti non interessa che le violenze sulle donne finiscano, ma solo che le donne possano essere tranquillamente stuprate da Italiani, d’altronde sono o non sono nazionalisti?

Alcuni episodi di fascisti all’opera, in difesa dell’italinità della violenza alle donne:  A Bologna, il 15 dicembre 2008, alcuni militanti e un dirigente provinciale di Forza Nuova hanno aggredito e picchiato un gruppo di studenti che tornava da una festa, a causa del loro abbigliamento da alternativi. Fra questi studenti c’era una ragazza che è stata spinta violentemente contro un muro e minacciata di violenza, mentre i suoi amici venivano selvaggiamente picchiati.
A Milano, nel gennaio del 2008, una donna è stata segregata e stuprata per ore e ore. Non fosse stato per i vicini che hanno fatto la segnalazione l’uomo avrebbe continuato per chissà quanto tempo. Lo stupratore, Giuseppe Bua, era un noto militante di destra, vicino agli ambienti di AN e FN.
Sempre nel gennaio del 2008, una studentessa di Treviso è stata aggredita da un gruppo di Forza Nuova.
A Lucca, due anni fa, una ragazza lesbica è stata picchiata e violentata «per punizione», in quanto lesbica, da un gruppo di neofascisti di Forza Nuova. Lividi, trauma cranico, un dente in meno.
Ciò che deve far riflettere è l’aumento delle spedizioni fasciste, che colpiscono militanti di sinistri e stranieri. Roma è la città dove i fascisti trovano via libera, sarà un caso ma il sindaco è un (ex) fascista. Venerdì 20 Febbraio, militanti di Forza Nuova hanno iniziato la loro propaganda della manifestazione anti-immigrati, davanti alla sede nazionale di Rifondazione. Un atto chiaramente provocatorio. Infatti, due dipendenti del partito che stavano entrando nella sede, notano il ragazzo che sta attaccando i manifesti della loro manifestazione e lo invitano ad allontanarsi. Torna dieci minuti dopo e ricomincia ad affiggere i manifesti di Fn, sullo stesso punto di prima. I due lavoratori del Prc si riavvicinano ma neanche fanno in tempo a dire nulla che nel giro di pochi secondi si vedono circondati da 6-7 persone. Tutte robuste. E giù botte.
«Ci hanno attaccato, indossavano guantini imbottiti», denunciano quelli del Prc. Uno dei due finirà in ospedale con un occhio tumefatto: gli daranno sette giorni di prognosi. Intanto altri militanti rifondaroli sentono le urla, vedono la scena e scendono in strada. I forzanovisti a quel punto si dileguano di corsa, con uno (quello che all’inizio stava attacchinando) che si rifugia dentro la vicina caserma lasciando lì la proprio auto, poi danneggiata (parabrezza rotto) dagli attivisti di sinistra.
Un altra aggressione è avvenuta ieri a Bologna, dove alcuni attivisti di sinistra che stavano volantinando per la chiusura di “casa pound”, sono stati accerchiati e picchiati con cinghie, catene e coltelli.

Non si può permettere questo, non si può permettere ad una forza politica come dice di essere forza nuova, di continuare con queste violenze. Forza Nuova è un movimento razzista, xenofobo, omofobo e violento che non rinnega il fascismo, anzi lo inneggia in ogni sua manifestazione sventolando con orgoglio le loro sporche celtiche, compiendo il reato di apologia del fascismo, che accompagna la loro proposta politica con mazze, bastoni, cinghie e coltelli. Forza Nuova non dovrebbe esistere in uno stato democratico anti-fascista, come è l’Italia.

L’operato dell’antifascismo militante non cesserà mai, rivendicando il diritto di difendere la nazione e la Costituzione dall’attacco dei fascisti. Per questo l’antifascismo non può esser considerato un reato.

ANTIRAZZISTA E ANTIFASCISTA SEMPRE

 

Non si nasce
Non si vive
Senza nome
Nessuno sa chi sei
Un ponte come casa
Topi nelle tue notti
Domani e’ un’altro giorno ti aspettano
Fuoco nemico e ronde padane

Senza casco
Dodici ore
Per due soldi
Forse lavorerai
Un futuro cosi’
Non lo avevi sognato
Questa italia ti accogliera’
Frontiere aperte razzismo di stato

Senza acqua
Senza pane
Coi pidocchi
Come eravamo noi
Ti ricordi i “forbidden”
Ai cani e agli italiani
Quanto e’ lungo un giorno senza pane
Cos’e’ il razzismo lo hai dimenticato
Unione europea
Questo cuore malato
L’egoismo e’ la tua religione
Parli di razza come in passato

Siamo tutti antifascisti!!!ultima modifica: 2009-02-22T18:29:28+01:00da dalai87
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Siamo tutti antifascisti!!!

  1. Ciao Dalai,
    è giusto denunciare come fai tu questi fatti. Ma chi siano questi di “Forza nuova” è risaputo, in qualche occasione sono stati fermati, ma anche prontamente rilasciati a breve termine. Purtroppo il clima fascista si diffonde (anche se per “Forza nuova” si tratta di un movimento politico che ha consensi risibili), di pari passo con l’illegalità e con una spudoratezza che non ha limiti, in particolare nella città di Roma, grazie soprattutto ad atteggiamenti che sono diventati disumani nei confronti degli immigrati e dei rom e la cui causa principale sono le dichiarazioni e i comportamenti xenofobi e razzisti di buona parte di coloro che stanno governando il nostro Paese. E l’amministrazione locale non è da meno, se ricordi tutti i “saluti romani” che accolsero sulle scalinate del Campidoglio l’elezione a sindaco di Alemanno: lui stesso è fiero di portare al collo una croce celtica…
    E’ una regressione vergognosa, che fa riflettere su quanto poco sia avvertito il pericolo che il proliferare di questi atti rappresenta. Il problema è che, trattandosi di veri e propri reati che questi continuano impunemente a commettere, alle denunce verbali o a quelle scritte in un blog dovrebbero seguire quelle alle autorità preposte da parte di cittadini che invece preferiscono tacere. L’unico modo per evitare un tale “ritorno al passato” dovrebbe essere quello di affidarsi alla storia, ma neppure la scuola mi pare stia svolgendo una tale opera che è sostanzialmente di carattere culturale. Se si studia la storia del nostro Paese e non si è fuorviati da pubblicazioni propagandistiche che di storico non hanno neppure l’ombra, infatti, sarà ben chiaro ciò che è stato in Italia l’orrendo periodo fascista, e altrettanto chiari a tutti saranno i valori della Resistenza e della Costituzione.
    Purtroppo, dopo la Liberazione, riapparvero personaggi squallidi ai quali si è consentito di trasferire nelle rinnovate strutture repubblicane le loro idee deliranti: un nome per tutti, quello di Almirante – già esponente del partito fascista mussoliniano, firmatario del “Manifesto della razza” del 1938, collaboratore della rivista “La difesa della razza” dal 1938 al 1942, repubblichino di Salò e fucilatore di partigiani. Il 28 maggio 2008, riporta Wikipedia, a seguito delle polemiche sorte per la proposta del sindaco di Roma Gianni Alemanno, ex missino ed ex esponente di AN, di dedicargli una via di Roma, alla Camera dei Deputati è stata data lettura di alcuni brani tratti da articoli che Giorgio Almirante aveva scritto nel 1942, quando dirigeva la rivista “La difesa della razza”, in cui sosteneva che era necessario proteggere l’Italia da meticci ed ebrei.
    Questi sono i presupposti sui quali si innesta la violenza di “Forza nuova”. E se è giusto essere fortemente antifascisti, è comunque raccomandabile, sempre, che alle violenze non si risponda con altrettante violenze. Le leggi ci sono, e viviamo in uno Stato di Diritto. L’antifascismo, in sé, è un valore.
    Un saluto da Angela

Lascia un commento