Peppino è vivo e lotta insieme a noi

Un sogno che diventà realtà. Il 5 Gennaio di 62 anni fa, nasceva in una famiglia mafiosa un bambino di nome Giuseppe e di Cognome Impastato, 62 anni dopo il suo ricordo è vivo nei giovani ragazzi siciliani liberi, che ritengono la mafia una montagna di merda. Peppino ha lottato ed ha pagato per tutti, quel ragazzotto di un comunista osava mettere in ridicolo la persona di Toro Seduto, osava denunciare, osava aprire le coscienze dei tanti rassegnati e conviventi forzati del sistema mafioso, osava portare in politica la sua lotta. Pagò con la vita, il suo corpo fu massacrato, ma non una delle sue idee sono state uccise e così oggi, dall’esperienza delle radio libere anni ’70, radio Sud e la sua radio Out, dalla quale denunciava, sbeffecciava quel suo parente e vicino di casa di nome Badalamenti che per questo fece massacrare e ridurre il suo corpo in pezzettini nel maggio del ’78, nasce radio 100 passi, nei giorni della sua nascita perchè “i nostri martiri vogliamo ricordarlo con gioia perchè siamo contenti che siano esistiti”. Non abbassò mai la testa e mai la girò dall’altra parte, sfidò la mafia ed il potere insieme ai suoi compagni ed amici, non prese mai una pistola per difendersi, la sua arma erano le idee di giustizia e di uguaglianza, la parola e la voglia di denunciare ed informare. Per molti anni il potere lo fece passare per terrorista, in una sicilia in cui carabinieri, magistratura, mafia, politici e neofascisti spesso erano “compari”, ma la verità e la giustizia hanno dato onore e merito ad un ragazzo, comunista di Democrazia Proletaria, che ha lottato per liberare la Sicilia e l’Italia dall’ingiustizia. Nell’Italia in cui dirsi comunista è vergogna, nell’Italia che toglie le targhe ricordo a te Peppino Impastato perchè comunista e siciliano ed invece il ladro latitante Bettino Craxi va ricordato perchè uomo che ha segnato la storia dell’Italia… io urlo che sono siciliano, comunista ed antimafioso e riprendo le tue parole…

NOI CI DOBBIAMO RIBELLARE,IO VOGLIO SCRIVERE CHE LA MAFIA E’ UNA MONTAGNA DI MERDA

 

Sponsorizzate e fate conoscere questa web radio in tutti i modi possibili, il link è: radio100passi.net la voce dei siciliani onesti.

Su facebook:  http://www.facebook.com/pages/RADIO-100-PASSI/195078644561?v=info

E soprattutto ascoltatela e sostenetela.

Peppino è vivo e lotta insieme a noiultima modifica: 2010-01-07T16:44:00+01:00da dalai87
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Peppino è vivo e lotta insieme a noi

  1. temo che le tue informazioni sianio incomplete, li in iran gli oppositri spariscono dagli ospedali, i leader del movimento libertario vengono processati senza tante storie, la guardia ricoluzionaria spara ad alzo zero pallottole mica manganelli come dici tu, li la guardia rivoluzionaria uccide le donne cosi tanto per, il tutto mentre tu dici è la stessa coa che succede qui, ma dico sei impazzito sul serio? tu paragoni ciò che è successo a genova, un morto con quelli ammazzati nel solo ultimo mese in iran? tu paragoni una manifestazione organizzata libera,ente e a cui si era dato un unico limite a quelle che li non sono affatto aitorizzate, naaa dalay o non sei ben informato o informati, perchèp a me risulta che qui gli antagonisti vengono resi innocui dopo ave devastato napoli, interessante? mica per aver fatto una manifestazione per la libertà della quale te lo ripeto non ve ne frega niente finchè è quella degli altri a essere in gioco questo è dalay

  2. tu scordi volutamente che di libertà in iran non s ene parla!! mentre nei 70′ ani in cui tu forse eri in cantiere, e che tratti come tuoi beh c’era eccome libertà nessun prefetto si sarebbe mai sognato come oggi di vietare manifestazioni di piazza ma che diavolo vai dicendo? ci metti pure i terroristi di hamas adesso? fulgidi esempi di libertà di non dir eciò che gli garba!!!

  3. Ciao Sasà,
    ho letto anch’io di “Radio 100 passi” e mi ha fatto immensamente piacere sapere che tanti rivivono le esperienze di Peppino e le sue lotte, preparandosi a ricalcare il suo percorso. Anche una radio può essere utile, anzi indispensabile, per fornire una “voce fuori dal coro” e insegnare che ogni conquista si afferra con la lotta. E con la memoria. Un bellissimo post, il tuo. Ho particolarmente apprezzato anche l’accenno a Craxi e a tutto il revisionismo che si sta facendo proprio in questi giorni su di lui: sto preparando un post appunto per “rinfrescare la memoria”.
    Un saluto, e grazie del tuo passaggio nel mio blog.

  4. Ciao Sasà… arieccome!!! Ho smanettato parecchio su questo maledetto computer ed ora, anche se a fatica, riesco a “caricare” la tua pagina!!! Devi aver mangiato troppo, durante le ultime feste (eheheheheh!!!)

    Comunque, ripeto qua i miei complimenti a questo tuo post che, almeno a me, dà l’opportunità di conoscere una nuova realtà siciliana che non conoscevo. In genere, purtroppo, si sente parlare della Sicilia in termini tutt’altro che “positivi” mentre queste “realtà” vengono spesso ignorate da chi è preposto a divulgare notizie e conoscenza!!

    Inoltre, credo sia la risposta più “adeguata” a chi, invece, va blaterando che “strozzerebbe” chi denuncia la mafia attraverso film, documentari o libri!!! Non parlarne sarebbe il male peggiore che potrebbe capitarci… e, in fondo, è quello che vogliono “loro”!! Il “revisionismo” a cui tu ti riferisci è sotto gli occhi di tutti e le vergognose dichiarazioni che dà più parti si fanno sul “grande” statista al quale sarebbe necessario dedicare almeno una piazza… la dicono lunga e sui politicanti che ci troviamo a governare e sul “particolare” momento storico che stiamo vivendo.

    Per quanto riguarda il tuo commento da me… è inutile che ti ripeta quanto ho scritto come risposta. Stà da me!!

    Buon fine settimana e ciao!!

  5. Grande Peppino ! 🙂 che uomo. Ho letto un sacco su di lui,anche il libro scritto da Salvo Vitale,e lo ammiro un sacco. Commuove la sua storia,fanno ridere amaramente le sue trasmissioni alla radio,e poi le sue azioni,fanno pensare e sono la traccia delle potenziali capacità di ogni uomo in situazioni non-umane.
    http://photos-h.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc1/hs278.snc1/10524_1242332296745_1182475613_762747_31254_n.jpg

Lascia un commento