Io…

«Io sono stato abituato
dalla vita isolata, che ho vissuto
fino dalla fanciullezza,
a nascondere i miei stati d’animo
dietro una maschera di durezza
o dietro un sorriso ironico.
Ciò mi ha fatto male,
per molto tempo:
per molto tempo i miei rapporti
con gli altri furono un qualcosa
di enormemente complicato.»

Leggendo mi sono imbattuto in questa descrizione che Gramsci fa di se. Beh, non mi metto di certo al suo livello, ma rispecchia totalmente me. L’estate intanto è finita, non l’ho mai amata questa stagione, sarò forse l’unico siciliano a preferirgli l’inverno, ma così è, “sempre in direzione ostinata e contraria”. In questa estate ho di certo imparato alcune cose come, mai sfidare il mare che rischi di perdere senza poter chiedere la rivincita, che le meduse sono poco socievoli, che sincerità e rispetto sono cose d’altra epoca, che la tua casa è sempre piena quando ad aver bisogno sono gli altri, mentre è vuota quando ad averne bisogno sei te,  che l’arroganza, l’egoismo e  l’ignoranza sono diventate caratteristiche primarie nei miei coetanei, quasi una dote, mentre l’esser troppo buoni ed il sapere ti fan apparire come coglioni! Un estate in cui mi sono chiuso nel mio guscio isolandomi dal resto che fatico a comprendere e soprattutto a vivere. Restare in silenzio ti aiuta anche a capire meglio cosa ci sta intorno, ti puoi accorgere di quante sono le persone che ti parlano invece di solo rispondere e sono quest’ultime persone che non capiscono il mio silenzio, e probabilmente non hanno mai capito neanche le mie parole. “C’era quella calma che ti massacra. Quando tutto sembra perfetto e invece è una merda.” Insomma, è ora di menar le mani… che l’età avanza! Piccola parentesi, prima di avviarci all’autunno…Caldo(?)!!!

Io…ultima modifica: 2010-09-08T00:13:00+02:00da dalai87
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Io…

  1. Ciao Sasà… questa volta, non mi limito a leggere e ad andare via. Quando sei così “umano”, quando finalmente deponi la maschera del “rivoluzionario” e decidi, finalmente, di far sentire ciò che “Sasà” pensa, sente, prova… beh, è difficile andar via senza almeno lasciarti un saluto! 20 righe dicono molto più di tante lunghe ed interminabili citazioni. Forse un giorno ci capiremo. Forse, nonostante tutto!! Ciao

  2. Vedo che non sono la sola a leggere e andare via, ma come dice carlo, questa volta hai mostrato un altro pezzetto diverso di Sasà ed è un evento. ;-))

    Un pochino alla volta eliminerai la barriera del credo al primo posto e lo collocherai al suo posto, ovvero, fa parte della tua vita ma rimane la storia di altri popoli distanti da noi per usi, costumi, consuetudini e sociologia.

    Allora si potrà discutere di ogni aspetto senza cozzare contro il muro di parte ;-))

    Buona giornata Sasà

  3. @Carlo e Tina
    Visto che non vi piacciono le citazioni ve ne dedico una di Guevara: “Bisogna essere duri senza mai perdere la tenerezza”. 🙂
    Leggendovi, pur non essendo il vostro caso, mi è venuto in mente il fatto che io sono un bravo ragazzo finchè non dico che sono ateo, o parlo contro le religioni e la chiesa, dopo di che divento satana. Ciò che scrivo è sempre il mio pensiero(comunicato in maniera diversa, per dare altri gli stessi strumenti che ho utilizzato per capire il presente), che deriva da ciò che vivo e provo nel quotidiano, dove chiacchiare e confronti credo siano sempre + inutili, futuli, sterili. Si innalzano muri naturalmente, come un rifiuto naturale, un giorno arriverà il momento di capire se sono io che ho capito tutto e gli altri non hanno capito nulla, oppure sarò io che non ho capito nulla e gli altri hanno capito tutto.

    Ps: Tina, cmq, riprendendo un vecchio discorso, mi sa che sul Pugliese c’ho avuto ragione io.

    Un saluto

  4. Ma allora provochi ;-))

    Sasà, le citazioni vanno benissimo quando sono telegrafiche, ma se mi riporti un trattato che mi costringe a passare più volte per finire di leggerlo … per poi giungere alla conclusione che è un trattato che non può essere applicato a noi in quanto datato…

    In questi giorni che ho passato in Sardegna mi sono trovata a discutere con gli autonomisti Sardi, con i comunisti di Rifondazione e con un Sindaco ex pdl, parlavamo del Mps = Movimento Pastori Sardi e pur avendo ognuno di noi un retroterra ideologico ben delineato, abbiamo convenuto che questa battaglia i Pastori l’hanno cominciata con almeno 5 anni di ritardo…ma meglio tardi che mai, come vedi ho dedicato loro un post e non sarà l’unico, tutti abbiamo stabilito che vanno appoggiati, indipendentemente dal colore politico che professano…

    Mi spieghi perchè per te è un avere torto o ragione senza se e senza ma? ;-))

    E…perchè non provi a spiegarmi perchè su Vendola c’hai avuto ragione?

    Sasà, sappi che se anche ci incazziamo nel leggerti, ti vogliamo bene, sei più giovane di mio figlio e se qualche volta ti strapazzo non significa che non giustifico i tuoi (per me) eccessi, ovvio che se mi fai girare le nocciole con il fondamentalismo ideologico e il fottuto proletariato (scordandoti che il proletariato comunista è confluito nella lega razzista) ti ci mando ;-))

    Buona serata Sasà

  5. Ciao Sasà e buon pomeriggio!

    Sasà, perché sul template del tuo blog ci sta scritto “.. il mio mitra è la tastiera che ti spara sulla faccia…”?? Non hai bisogno di rispondere, naturalmente. So già che tu hai fatto una “scelta” ben precisa e l’hai dichiarata in quelle poche ma significative righe! Questo, però, significa che anche tu “fai dei distinguo” tra i vari modi di esprimersi!! Significa che quando si vuole trasmettere un’idea, ci sono tanti modi per farlo e tu ne hai scelto uno e non un altro! Non è una questione di “forma” ma di scelte!

    Almeno per quanto mi riguarda, sei comunque un bravo ragazzo anche quando, come provocatoriamente scrivi, affermi di essere ateo o ti esprimi contro la chiesa. Lo sei perché la rabbia che esprimi e le denunce che fai, sono sacrosante. Non è questo ciò che ti “penalizza” ma tutt’altro e Tina te lo ha suggerito. Anche questa, tuttavia, non è una tua “colpa” perché è necessario del tempo per arrivare a comprendere… quel tempo che c’è tra me e te!

    Personalmente, ripeto, ti preferisco senza la “maschera del rivoluzionario”!! Sasà, tu hai una profonda cultura politica e su questo non ci piove. Tuttavia, tu hai anche delle tue “idee” che, secondo me, sarebbe ora tirassi fuori, edulcorate da quelle che sono le tue “conoscenze”, per mostrarle così, semplicemente. Come questo tuo post!! M spiego meglio: io preferisco sentire ciò che pensa ed ha da dire Sasà come “persona” e non ciò che Sasà vuol dire parlando di Castro, Che Guevara e via dicendo.

    Voglio sentire che soluzioni propone Sasà…. insomma, voglio confrontarmi con uno che sento come una persona che vive “nel mio tempo” e con i miei stessi problemi! Altrimenti, vengo qua per cercare di colmare la mia “ignoranza” e poi me ne vado.. ma va bene anche questo. Va bene, perché la tua scelta l’hai fatta anche se, francamente, mi meraviglia.

    Contraddice tutto il tuo pensiero affermare ancora una volta che il “confronto” lo ritieni inutile! Sei sicuro che sia veramente inutile? Oppure, hai deciso di “sederti sulla riva del fiume”… tanto, prima o poi arriverà il giorno in cui si capirà se sei tu che hai capito tutto oppure il contrario?

    E’ questo il limite, Sasà: non abbiamo ragione nè noi nè te!! Questo è un limite ed una fregatura perché, Sasà, lo sforzo è quello di trovare una terza ragione che vada bene a tutti e due!! Della tua, come tu della mia naturalmente, non so che farmene, anche se posso pensare che sia piena di verità!

    Io, nel tuo mondo non ci voglio vivere… però, sono disposto a costruirne uno che vada bene ad entrambi!

  6. Bellissime le parole di Gramsci,ma anche molto ”tristi” in un certo senso.
    Ho spesso avuto a che fare con persone dal carattere simile,però devo dire che sono solite all’essere speciali,nonostante una difficile comunicabilità ed un isolamento straniante che mette un pò paura a chi vuole avvicinarle.
    Eppure nell’uomo c’è questo ed altro,sempre bene accetto anche nelle sfumature più difficili. 🙂

Lascia un commento