Il referendum solo un illusione per bloccare il processo rivoluzionario!!!

302949_230295673699571_100001574203223_666113_632031042_n.jpgLa decisione politica di Papandreu approvata dal governo borghese socialista greco di convocare il referendum è frutto della costante mobilitazione della classe operaia organizzata nel Pame e dal KKE e dalla sua alleanza sempre più forte con le masse popolari; in tal modo cerca di placare la rabbia sociale, l’organizzazione di classe e l’indirizzo della lotta anti-capitalista ed anti-monopoli del KKE e del PAME, dando l’illusione al popolo di poter incidere sul futuro del proprio paese tramite referendum o elezioni. Peccano solo di infantilismo coloro che credono che il partito socialista borghese greco e Papandreu d’un tratto siano diventati dalla parte del popolo proclamando il referendum. Questo strumento è solo un palliativo, un illusione, per bloccare la rabbia sociale, per rinviare la caduta del suo governo (a breve ci sarà un voto di fiducia) e dare la possibilità alla forze reazionarie di organizzarsi. I movimenti in seno al suo partito, nella composizione dell’arco parlamentare (ridotta a soli 3 seggi la maggioranza di governo) e soprattutto la questione inerente i vertici dell’esercito (possibile colpo di stato?) dimostrano ciò. Papandreu chiama al referendum accompagnandolo con una propaganda ricattatoria che mira a dividere il fronte popolare, ad impaurirlo, lo stesso fanno e faranno ancora più decisamente gli organismi sovranazionali (FMI-BCE-UE). Boicottare il referendum è l’arma più corretta per rispedire al mittente questa provocazione ricattatoria, mettendo in campo una forte e continua mobilitazione della classe operaia e delle masse popolari contro l’UE, il Capitalismo ed i partiti della plutocrazia (compreso il SYN)! Boicottare questo referendum, come sembra intenzionato fare il Partito Comunista di Grecia, potrà rappresentare un importante passaggio verso la rivoluzione socialista(che non è certo dietro l’angolo!), che passa dal rafforzamento dell’alleanza sociale della classe operaia e le masse popolari, dal capovolgere i rapporti di forza con l’indebolimento dei partiti borghesi e dei sindacati collaborazionisti ed il consolidamento del Partito Comunista nelle masse. Il referendum oltre a salvare il governo Papandreu (se il parlamento lo approverà), da anche spinta ulteriore ai partiti reazionari e nazionalisti come il Laos (fascista) e movimenti populisti come quello fondato da Tehodorachis che mirano al salvataggio del capitale nazionale. Il KKE per rafforzare la propria linea, denunciare le azioni dei partiti borghesi e dell’Ue, per contrastare la logica del ricatto (che ricorda molto i nostri referendum di Mirafiori e Pomigliano ad un livello più alto) e della coesione sociale, cosa assurda in una società classista, ha convocato una manifestazione per Venerdi 4 Novembre in p.zza Syntagma ad Atene (davanti al Parlamento) con le parole d’ordini: VIA IL GOVERNO ED I PARTITI DELLA PLUTOCRAZIA- NO REFERENDUM, ELEZIONI SUBITO. Solo rafforzando il KKE, l’organizzazione nei posti di lavoro e nei quartieri e la lotta di classe il popolo può bloccare queste manovre, accordi e nuovi protocolli per salvare i profitti, facendola finita con le illusioni. Nuove elezioni potranno capovolgere i rapporti di forza con i partiti borghesi ed i sindacati collaborazionisti, organizzando il contrattacco del potere popolare, con la socializzazione dei mezzi di produzione, il disimpegno dall’Ue e dalla Nato e la cancellazione unilaterale del debito nei confronti dei monopoli bancari e finanziari imperialisti. Le provocazioni e le azioni intimidatorie nei confronti del Partito e del fronte operaio e popolare, sono certi. I movimenti nell’esercito, come l’approdo in Grecia della polizia europea che potrà agire senza alcun controllo, rendono la situazione sull’orlo della guerra civile. Da queste righe e riflessioni, il massimo sostegno e solidarietà ai compagni greci, al Partito ed all’organizzazione dei lavoratori del Pame.

 

W LA LOTTA DI CLASSE, W L’INTERNAZIONALISMO PROLETARIO, W LA RIVOLUZIONE SOCIALISTA!!!

 

Il referendum solo un illusione per bloccare il processo rivoluzionario!!!ultima modifica: 2011-11-02T17:48:00+01:00da dalai87
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento