NESSUN LICENZIAMENTO DEVE PASSARE!!! NESSUN SALARIO DEVE ESSERE TOCCATO!!!

1887135060.jpgCsp-Partito Comunista Messina è al fianco dei lavoratori della città, in lotta per la difesa dei propri posti di lavoro, per la dignità di lavoratori e i salari ed esprime il suo pieno sostegno alle proteste, mobilitazioni e scioperi attuati in questi giorni.

I lavoratori subiscono sulla propria pelle gli effetti della crisi del capitalismo, a cui si aggiunge una gestione politico-amministrativa lobbistica e massonica, a livello locale. La connivenza istituzioni-padroni, si evidenzia chiaramente quando i lavoratori cercano di prendere nelle proprie mani il loro futuro, rigettando quello riservato per loro dai padroni e dai monopoli fatto di maggiore sfruttamento, lavorando più ore per salari da fame, senza alcun diritto. Lo sfruttamento viene perpetrato attraverso lo strumento del ricatto sociale, mantenendo elevato il livello di disoccupazione i lavoratori che possiedono già un posto di lavoro si sentono minacciati non solo di perderlo ma di non trovarne più un altro, mentre chi è disoccupato e ridotto in povertà, pur di lavorare e guadagnare qualcosa per sopravvivere, è disposto ad accettare tutto finanche la schiavitù. Il sistema è appositamente architettato per far innescare guerre fra poveri e sfruttati, mentre i padroni in questo scenario godono della massimizzazione dei profitti. La vertenza in Caronte&Tourist, sta a dimostrare quanto il conflitto capitale-lavoro, ossia la lotta di classe, al di là della maschera che politici borghesi, padroni e una parte di sindacati collaborazionisti vogliono mostrare supportati dai mezzi di comunicazione, sia nella realtà il motore quotidiano e il nucleo centrale dei rapporti e delle contraddizioni, nelle fabbriche ed ogni posto di lavoro, nonché nella vita di ogni lavoratore.

Il conflitto esploso in città è frutto del “radioso” progresso e sviluppo, programmato dalla società fondata sull’economia del profitto, che colpisce i lavoratori di ogni settore e realtà produttiva e di servizi, sia pubblica che privata, nel quadro della profonda crisi strutturale del capitalismo, dove l’univoca direzione politica ed economica, dell’UE, dei governi nazionali e locali e dei padroni, è quella di schiacciare i lavoratori, deregolamentando i rapporti di lavoro, abolendo i diritti di difesa dei lavoratori conquistati con dure battaglie, aumentando lo sfruttamento e la miseria della classe lavoratrice e di conseguenza aumentando i profitti dei padroni. I lavoratori marittimi, i lavoratori dell’ATM, i lavoratori della Messina Ambiente, i lavoratori dipendenti del Comune, i lavoratori precari del Teatro V.Emanuele, così come i lavoratori della Birra Triscele e delle cooperative sociali, sono per questo vittime della logica del profitto di questo sistema, senza distinzioni tra pubblico e privato; i lavoratori pubblici sono colpiti dai patti di stabilità e tagli della spending review, dalla gestione privatista e orientata al profitto del settore pubblico e del trasporto. Finché dominerà la logica del profitto ed il potere non sarà nella mani dei lavoratori, nessuna soluzione a favore dei lavoratori è possibile; bisogna unire la lotta, generalizzando e radicalizzando il conflitto senza lasciarsi ingannare da chi vede i lavoratori solo come bacino elettorale. Chiamiamo, altresì, tutti i lavoratori della città a non rimanere ai margini della lotta. Ogni lavoratore lottando per il compagno di lavoro, rafforza sé stesso. Siamo un’unica classe sociale, quella che produce tutta la ricchezza (beni e servizi) della società, dobbiamo credere prima di tutto nella nostra forza, che compatta ed unita, potrà modificare i rapporti di forza nel sistema, impedendo i licenziamenti e la perdita di diritti, la difesa dei salari e delle condizioni lavorative.

Fabbrica per fabbrica, posto di lavoro per posto di lavoro, quartiere per quartiere, è qui che dobbiamo costruire la lotta di resistenza, costituendo comitati di lotta unitari dei lavoratori, trasversali alle tessere sindacali e ai luoghi di lavoro. Radicalizzare le lotte ed unirle in un unico Fronte Unito dei Lavoratori!!!

NESSUN LICENZIAMENTO DEVE PASSARE!!! NESSUN SALARIO DEVE ESSERE TOCCATO!!!

UNIAMO LE LOTTE, COSTRUIAMO E ORGANIZZIAMO L’ALLEANZA SOCIALE TRA LA CLASSE OPERAIA E I LAVORATORI AUTONOMI E DIPENDENTI E I CETI POPOLARI!!!

SOSTENIAMO ED ESTENDIAMO IL NUOVO SCIOPERO PROCLAMATO DAI LAVORATORI DELLA CARONTE&TOURIST PER IL 6 NOVEMBRE!!!

Volantino CSP-Partito Comunista Messina – http://www.partitocomunistasicilia.it/messina/?p=249

NESSUN LICENZIAMENTO DEVE PASSARE!!! NESSUN SALARIO DEVE ESSERE TOCCATO!!!ultima modifica: 2012-10-27T15:15:00+02:00da dalai87
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento