Tina Modotti, arte e impegno comunista

Compagna e rivoluzionaria internazionalista, impegnata con la causa del comunismo fino alla fine, adottando posizioni che fecero elevare le coscienze conservatrici del suo tempo, anche tra i suoi stessi compagni. Esempio da seguire nella lotta per una reale uguaglianza tra uomini e donne, per la lotta per una nuova società comunista. Per la sua straordinaria vita, seguiamo tra gli altri … Continua a leggere

Risoluzione sugli attacchi contro i diritti democratici nell’Unione Europea

Firmatari in calce | icseminar.org L’intensificazione della repressione e l’escalation negli attacchi della classe capitalista contro i diritti democratici nell’Unione europea sono parte integrante della strategia di rafforzamento del potere di questa classe nelle attuali condizioni di crisi economica e di crescente malcontento popolare. L’Unione Europea imperialista è utilizzata nei paesi europei come un ariete contro i diritti dei popoli, … Continua a leggere

La libertà individuale come scusa per il crimine sociale

Data la situazione sempre più disperata vissuta dalla classe lavoratrice per l’attuale crisi del capitalismo non mancano i portavoce tirapiedi dei padroni e delle banche che cercano di scaricare sulle spalle dei lavoratori la colpa per l’inferno che sono obbligati a soffrire. Secondo questi mascalzoni coloro che subiscono uno sfratto dovevano saperlo prima di firmare un contratto di mutuo. O … Continua a leggere

Successo dell’Assemblea Operaia del 1° Maggio a Pomigliano d’Arco

“Il 1° Maggio è per la classe operaia internazionale un simbolo del valore insostituibile che i lavoratori svolgono nella società e nella produzione”, così si afferma nel comunicato internazionale della FSM (Fed. Sindacale Mondiale) per caratterizzare questa data che da anni invece è stata spogliata dal suo reale valore. A Pomigliano d’Arco, il Comitato Mogli Operai, lo Slai Cobas con … Continua a leggere

Per un 25 Aprile nel segno della reale lotta del proletariato italiano, per la controffensiva operaia e popolare

Il 25 aprile da anni è stato svuotato del suo significato storico, sociale e di classe da parte delle classi dominanti, i loro mezzi di comunicazioni e organizzazioni politiche e sindacali. Il 25 Aprile 1945, fu il giorno della grande insurrezione di Milano, considerato come atto finale della lotta di liberazione nazionale che chiuse il periodo del “ventennio fascista” e dell’occupazione … Continua a leggere

Essere Comunista

Il comunismo non è una liturgia teorica-pratica, come accade con il sapere nel sistema capitalista. Nel capitalismo, la conoscenza non ha alcun rapporto con la realtà, ciò che è noto è in funzione dell’ “interpretare” o “comprendere”, ma non pretende di cambiare la realtà, la conoscenza è separata dalla pratica; è questa la situazione che è di importanza vitale per … Continua a leggere

COMBATTIAMO IL REVISIONISMO STORICO: LE FOIBE SONO UN FALSO STORICO PROPAGANDATO DAI FASCISTI E USATO DALLA BORGHESIA

Il 30 Marzo 2004, con la legge bipartisan n.92, è stato istituito il “giorno del ricordo” da celebrare il 10 Febbraio di ogni anno. Essa fu il risultato di due interessi convergenti: quello dei fascisti nella loro ricerca di ripulirsi e riabilitarsi e quello della borghesia nel suo tentativo di equiparazione dei comunisti con i nazi-fascisti, che vede l’Unione imperialista … Continua a leggere

Il Partito Comunista

Per ricordare i 92 anni dalla fondazione del Partito Comunista d’Italia, ho scelto questo articolo di Antonio Gramsci, il padre del comunismo italiano. A novant’anni da quella data in cui i delegati comunisti lasciarono il partito socialista al grido dell’Internazionale per fondare al teatro San Marco di Livorno il Partito Comunista d’Italia, sezione italiana della III Internazionale, questo articolo del … Continua a leggere

Diffondere le assemblee operaie sul modello degli operai di Pomigliano

Rimettere al centro la “questione operaia” ed il conflitto centrale nel modo di produzione capitalistico, ossia capitale-lavoro. Il Comitato Mogli Operaio di Pomigliano, ha il merito di aver ridato risalto alla “questione operaia” ponendola al centro della discussione politica-sindacale, lontano dalla sirene della sinistra istituzionale (per non parlare di quella padronale) che vede “gli operai” come “bacino elettorale” di cui … Continua a leggere

Una riflessione sugli “indignados” e la necessità della soggettività di classe

Uno dei grandi problemi che attanaglia il movimento comunista in Italia è l’incapacità della lettura da parte di alcuni, dei fenomeni ed eventi che gli scorrono davanti con la necessaria soggettività di classe e l’uso delle categorie e dialettica marxista, per cui prevale in molti il lato idealistico, emotivo, fascinoso se non anche romantico, che può appartenere ai tifosi di … Continua a leggere