19 Gennaio 2014. Fondato il Partito Comunista (Italia)

Congresso Partito Comunista

Dal 17 al 19 Gennaio 2014 si è svolto il Congresso fondativo del Partito Comunista che nasce dall’esperienza di Comunisti Sinistra Popolare, movimento fondato nel 2009 da Marco Rizzo (insieme a molti altri compagni/e in particolare fuoriusciti dal PdCI) eletto per acclamazione Segretario Generale del Partito Comunista. Alla giornata conclusiva hanno partecipato il Partito Comunista di Grecia (KKE), con la … Continua a leggere

L’URSS, il primo paese in cui l’aborto fu legale e gratuito

Emancipazione della donna nella Russia Sovietica

Nel mentre che nell’attuale Spagna si proibisce l’aborto… Nel 1917 il proletariato prese il potere in Unione Sovietica e iniziò la costruzione di una nuova società socialista. Prima della rivoluzione, le donne subivano una orribile repressione. Non era insolito per le donne essere acquistate e vendute come mogli o serve. Venivano trattate come bestie da soma nelle aziende agricole e … Continua a leggere

La questione fiscale dal punto di vista comunista

La questione fiscale (tratto dal doc. congressuale di CSP-Partito Comunista, pag.71/72) Oggi, nel nostro Paese, fra le tante e gravi questioni che determinano il malessere sociale dei lavoratori e del popolo italiano, vi è la questione fiscale. La pressione fiscale ha raggiunto, ormai, in Italia, il 55% ( rapporto fra entrate fiscali e Pil ), colpendo sia i lavoratori dipendenti … Continua a leggere

Marco Rizzo: “Per i lavoratori non c’è altra via d’uscita dalla crisi che la rivoluzione socialista”

Marco Rizzo, segr. CSP-Partito Comunista

Unidad y Lucha intervista oggi il compagno Marco Rizzo, Segretario Nazionale dei Comunisti Sinistra Popolare – Partito Comunista d’Italia, con il quale abbiamo discusso della situazione della classe operaia e del movimento comunista in Italia e in Europa. Unidad y Lucha: Compagno Marco, il vostro Partito è molto giovane. Quali sono state le ragioni che hanno dato vita a CSP- … Continua a leggere

Partito Comunista: Crocetta getta la maschera, cacciamolo via!

Il Governatore Crocetta e la sua giunta, con una lettera inviata al Ministero della Difesa, ha annullato gli atti di revoca delle autorizzazioni per la costruzione del MUOS. Dopo tutte le parole spese in campagna elettorale e nei primi mesi di governo, Crocetta getta la maschera e conferma la sua reale natura che fin dal primo momento abbiamo denunciato. Come … Continua a leggere

L’Ilva lo dimostra; il potere operaio-popolare è l’unica soluzione!

Il DDL sull’ILVA da parte del governo, ratificato dai sindacati concertativi (che neanche più concertano), salva i profitti di Riva e del capitalismo monopolistico nazionale, militarizzando di fatto la fabbrica garantendo al padrone Riva di proseguire per altri due anni alla stessa maniera, rimandando soltanto la decisione di una eventuale chiusura. Soldi ai padroni e nessuna reale garanzia per gli … Continua a leggere

Una riflessione sugli “indignados” e la necessità della soggettività di classe

Uno dei grandi problemi che attanaglia il movimento comunista in Italia è l’incapacità della lettura da parte di alcuni, dei fenomeni ed eventi che gli scorrono davanti con la necessaria soggettività di classe e l’uso delle categorie e dialettica marxista, per cui prevale in molti il lato idealistico, emotivo, fascinoso se non anche romantico, che può appartenere ai tifosi di … Continua a leggere

Spagna: in migliaia accolgono la marcia operaia in Cadice

Continuano le proteste di massa dei lavoratori spagnoli, contro le barbare misure imposte dall’UE e dall’oligarchia. Dopo la lunga azione dei minatori, le proteste di piazza e lo sciopero generale, altre azioni come la “spesa proletaria” si susseguono nel paese iberico. Lunedi 27 Agosto ha avuto inizio la marcia operaia indetta dal Sindacato Andaluso dei Lavoratori (SAT) nella provincia di … Continua a leggere

Perché il comunismo continua ad esser imprescindibile?

I movimenti di sinistra e postmoderni si sono sempre caratterizzati per una serie di argomentazioni di lontananza dalla metodologia rivoluzionaria sostenendo una serie di opinioni sulla base di un analisi falsa e opportunista, negando la storia e dando un ruolo testimoniale al movimento operaio e alle lotte rivoluzionarie nel corso della storia, rinnegando e maledicendo tutte le conquiste ottenute dalla … Continua a leggere

Il 53% dei rumeni desidera tornare a vivere in un sistema socialista

Dopo due decenni di sofferenza per la barbarie capitalista, e dopo che il paradiso promesso per imbrogliare i lavoratori rumeni e assicurare il successo del colpo di stato del dicembre 1989 ha mostrato nella realtà che è un inferno, la maggior parte dei romeni che dichiarano che vogliono tornare a vivere in un sistema socialista. Il sondaggio condotto da Public-Affairs … Continua a leggere