Stalin e l’organizzazione di tipo internazionale

Sappiamo a che cosa conduce il raggrupamento degli operai per nazionalità: distruzione del partito operaio unico, scissione dei sindacati in base alle nazionalità, acutizzazione degli attriti nazionali, crumiraggio nazionale, demoralizzazione completa nelle file della socialdemocrazia: questi sono i risultati del federalismo organizzativo. La storia della socialdemocrazia in Austria e l’attività del Bund in Russia lo dimostrano eloquentemente. L’unico mezzo per … Continua a leggere

Ode a Stalin di Pablo Neruda

Compagno Stalin, io stavo vicino al mare a Isla Negra, riposando dopo lotte e viaggi, quando la notizia della tua morte giunse come un colpo di oceano. Fu dapprima il silenzio, lo stupore delle cose, e poi giunse dal mare un’onda grande. Di alghe, metalli e uomini, pietre, spuma e lacrime era fatta quest’onda. Da storia, spazio e tempo raccolse … Continua a leggere

67 anni della vittoria sul nazi-fascismo

Quando i mezzi di comunicazione tradizionali (cioè borghesi) trattano la fine della Seconda Guerra Mondiale, ricreano immagini di soldati americani e inglesi, e nella nostra memoria collettiva appaiono le visioni di “film holiwoodiani” sull’argomento. I libri di testo scolastici attuali parlano di Montgomery che sconfisse Rommel “la volpe del Deserto” in El Alamein; parlano dei “Marines” che combattono contro i … Continua a leggere

Il Kominform: l’occasione rivoluzionaria mancata, di Giovanni Apostolou

Ricerca del compagno marxista leninista Giovanni Apostolou studioso di storia del movimento operaio, sulle vicende legate al rapporto tra il Kominform ed il PCI di Togliatti, all’indomani della guerra di Liberazione Nazionale. Una ricerca che sconfessa in modo documentato le tesi che affermano che fu Stalin  a bloccare i processi rivoluzionari. In base alla ricerca del compagno Giovanni, la linea … Continua a leggere

Per una riflessione critica su Stalin

Trattare oggi della figura di Stalin, in una fase molto problematica per la ripresa della lotta per il socialismo e il comunismo, stante ancora il panico e il disorientamento del proletariato a seguito della fine ingloriosa di importanti paesi socialisti,  di fronte alla tracotanza della borghesia, che nonostante lo sfacelo di cui è artefice si sente ebbra della vittoria della … Continua a leggere

TUTTO IL POTERE – AI SOVIET DEGLI OPERAI, DEI SOLDATI E DEI CONTADINI! PACE! PANE! TERRA!

Ogni soldato, ogni operaio, ogni vero socialista, ogni democratico onesto si rende conto che l’attuale situazione ha solo due sbocchi. O il potere rimarrà nelle mani della cricca degli agrari e dei borghesi, e questo significherà ogni sorta di repressioni per gli operai, per i soldati e per i contadini, il proseguimento della guerra, e con esso inevitabilmente fame e … Continua a leggere